La lettera del Presidente fondatore del club Andrea Antonini

Sono passati esattamente 10 anni da quando il sottoscritto con alcuni amici pescatori decise di lasciare i propri club di appartenenza per dar vita ad un progetto che sognavo da tempo: riportare a Foligno un club di pesca alla trota.
Ho ancora vivi i ricordi di quelle prime riunioni; le cose da decidere erano molte: il nome, i colori sociali, lo stemma, il consiglio direttivo…ma il giusto clima e l’entusiasmo rendevano tutto facile e divertente.

Da qui, nel lontano 2008, è iniziata l’avventura dell’Asd Pescatori del Topino.
Grazie alle indiscusse doti umane e tecniche dei soci già dalle prime uscite ufficiali ci siamo distinti vincendo vari campionati e dimostrando che uno dei punti di forza del gruppo era la coesione.
Rapidamente “la famiglia” crebbe con l’ingresso di altri ragazzi che desideravano sposare quelli che erano i valori perno della nostra associazione: amicizia, spirito di gruppo, divertimento.

Negli anni a seguire i Pescatori del Topino sono cresciuti e maturati mantenendo vivo quell’entusiasmo che ci rendeva unici e, oltre all’aspetto puramente agonistico, abbiamo cercato di dare innovazione ed un nostro valore aggiunto a questa bellissima disciplina organizzando manifestazioni per coinvolgere i ragazzi e le loro famiglie cercando di creare un importante momento di festa, di formazione ed educazione nei confronti dell’ambiente.

Il nostro impegno è stato – ed è – considerevole anche nell’organizzare eventi agonistici a livello nazionale come la ormai famosa – e copiata – Gara della Madonna, manifestazione che si svolge ogni anno l’8 dicembre (da qui il nome) e che richiama pescatori da tutta Italia i quali, oltre a passare una bellissima mattinata di puro divertimento, possono approfittare di trascorrere un week-end con le proprie famiglie nelle nostre terre apprezzandone la bellezza e le tradizioni.
Altro elemento che ci contraddistingue e di cui vado fiero è l’aspetto sociale in cui, in questi anni, abbiamo dato molta importanza e dove ci siamo impegnati molto: l’organizzazione di giornate di pesca per disabili, la collaborazione con il Banco Alimentare e gare come il Memorial Calcagnoli dove tutto il ricavato viene dato in beneficienza sono diventati il nostro fiore all’occhiello.

Se è vero che il tempo dà l’esatta misura della bontà di un’opera, della sua validità ed importanza, allora i 10 anni che la Asd Pescatori del Topino festeggia sono il più eloquente attestato di merito che questa società ha offerto in questi anni: dal germoglio è nata una pianta rigogliosa che ha ramificato di anno in anno offrendo frutti preziosi.

Per il nostro anniversario abbiamo presentato un progetto sportivo per il sociale e la beneficenza degno del nome che portiamo e dello statuto della società “Sport for All | Play for Life”. Un serie di eventi di pesca sportiva e non solo. Bambini, ragazzi, diversamente abili ma anche uomini e donne saranno interessati nei sei appuntamenti in programma durante tutto l’arco del 2018. Ci saranno eventi di pesca ma anche due concorsi, uno di disegno e uno fotografico, ed anche un contest culinario.

Per tutto questo devo ringraziare davvero a tutti: associati, dirigenti, tecnici e genitori che hanno contribuito a questo grande successo che ci rende una grande realtà nella nostra regione. Un ringraziamento particolare è dedicato a due grandi persone: Alessandro Morosini, attuale Presidente della Asd Pescatori del Topino che, dal gennaio 2016, guida la nostra società con passione, entusiasmo e tenacia ed a Fabrizio Reali che grazie alla sua preziosa collaborazione e professionalità ha reso possibili gran parte delle nostre iniziative e progetti.
Un ricordo particolare va infine a tutti gli associati e parenti degli stessi che non ci sono più, ma noi tutti sappiamo che loro da lassù ci guardano e ci incitano sempre ad andare avanti.

La Asd Pescatori del Topino ha saputo in questi anni aggiornarsi per affrontare le sfide del futuro proiettandosi verso nuovi traguardi senza perdere mai di vista i propri valori e le sue origini.