Topino

Lu fiume scurre calmu e sonnolentu
sotto li ponti, tra le cannucciole,
a ogni curva cambia de colore
rispecchja stelle de lu firmamento.

E’ ‘n brulicà de vita dentro e fori
irrora e da la vita a la campagna,
orti e giardini abbeveranno bagna
per da la forza a semi piante e fiuri.

Un’energia grandiosa e insospettata
coll’elettricità dall’acqua véne,
fiume prepostu a trasportà ‘gni béne
per l’omini c’ ‘sta’acqua regalata.

Pesci argentati, vite silenziose
guizzano tra quell’onde benedette,
notanno fonno tante piroette
tramezzu a quelle buche generose.

Fiume Topino!, attorno a te Fuligno
la vita sua da sempre ha regolato,
oro e difesa de lu fabbricato
invidia dell’Etruscu più malignu.

La Storia è intrisa insieme cò quell’acqua
che da Nocera curre verso piano,
tra curve e sassi va fino a Scanzano
poi placa lu furore quaci stracca.

Chjara d’Assisi prima de ghj’ in cielo
vòrse gustà le trote tua Topino!,
a l’Alighjer de te parlò perfino
quanno cantò Francesco, l’amor vero.

 

Poesia di
Orazio Falchi